«Consulenti, perchè il Comune non è nell’elenco?»

Mercoledì 10 Settembre 2008 00:00
Stampa
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Share

Il consigliere di opposizione della Casa delle Libertà, Gino Iannace, in seguito alla mancanza, tra le pubbliche amministrazione, dell’elenco dei consulenti esterni del comune sannita, rivolge un’interrogazione agli assessori al ramo chiedendo spiegazioni al riguardo.

Fonte: Il Sannio Quotidiano

 

“Da diverso tempo – si legge nella nota - grazie all’impegno e determinazione del ministro della funzione pubblica Renato Brunetta, a cui va il mio sostegno ed il mio incoraggiamento, è possibile conoscere i nominativi dei consulenti esterni delle pubbliche amministrazioni. Infatti – spiega Iannace - sul sito internet del ministero sono consultabili gli elenchi dei consulenti esterni e degli importi relativi conferiti dalle pubbliche amministrazioni.

Scorrendo l’elenco degli enti locali si nota, però, che il Comune di San Leucio del Sannio non compare.

Forse – seguita il consigliere azzurro - i nostri assessori non sanno che le amministrazioni che omettono di inviare al ministero della funzione pubblica gli elenchi dei consulenti esterni non possono conferire nuovi incarichi fino a quando non adempiono.

Pertanto ho inviato un’interrogazione all’assessore ai lavori pubblici e all’assessore al contenzioso (che sono gli assessorati a cui fanno capo la maggior parte degli incarichi esterni) per sapere i motivi per cui il Comune di San Leucio del Sannio non compare tra le pubbliche amministrazioni che hanno inviato gli elenchi al ministero della funzione pubblica per la successiva pubblicazione sul sito internet.

I nostri assessori solo in teoria sono innovatori, ci riempiono di belle parole, ci dicono che sanno ascoltare e sanno aprirsi al confronto. Nei fatti, invece, – conclude l’esponente del Fi - sono chiusi nella gestione del potere, senza un progetto e un disegno per il futuro della nostra comunità e con il loro arrogante comportamento negano ai cittadini la possibilità di sapere a chi e come sono stati dati i soldi delle nostre tasse”.

 

 

 


Condividi